Face your fears

Ci sono tante, tantissime, infinite categorie di persone al mondo.

Persone importanti, persone insignificanti, persone uniche, persone viscide e schifose, persone tranquille, persone false, persone generose, brave persone, persone che non si capisce perchè esistano, persone oneste, persone che nulla le scalfisce, persone ansiose e persone che hanno paura.

Delle categorie con accezioni negative non mi curo, è tempo perso.

Delle brave persone, oneste e generose ringrazio che esistano.

Mentre delle persone ansiose e che hanno paura mi preoccupo, perchè quelle sono in bilico tra la peggiore categoria e la categoria migliore, quella fatta dalle persone che mettendosi in gioco, cambiano.

La sfida è di quelle toste, importanti, a volte assume una connotazione vitale, proprio nel senso etimologico del termine, ne va della propria vita.

Spesso questa sfida dura parecchio tempo, a volte anni, molte altre volte…una vita intera. Gli attori di questa sfida possono essere due, alcuni o anche solo uno, me stesso.

Eh già perchè io faccio parte di questa gloriosa e assai numerosa categoria: quelli che hanno paura.

Paura di deludere…prima gli altri ovvio, poi anche se stessi.

Paura di sbagliare, paura di essere invadenti, paura di attirare su di se l’attenzione degli altri e quindi di essere protagonisti di quel momento, paura di provare, paura di non essere all’altezza, paura di essere arroganti in un mondo di iper-arroganti, paura di muoversi, paura di essere giudicati per quello che non siamo, paura di arrivare tardi al lavoro, paura di non aver fatto mai abbastanza anche quando hai fatto 5 volte quello che hanno fatto gli altri e meglio…paura di essere diverso e per questo sbagliato.

La paura è un’emozione, molto più spesso un sentimento che dura decisamente troppo e, in quel caso ti blocca, rendendoti inerme.

Avere paura è vitale, solo i pazzi e gli stupidi non ne hanno o dicono di non averne e, in questo caso sono stupidi o pazzi.

La paura ti accende, rende il tuo corpo vigile, attento, caldo e pronto ad affrontare l’imminente sfida che ti si presenta davanti. Se però questa paura dura troppo a lungo l’effetto è talmente potente, devastante e subdolo che perdi quasi tutte le tue forze e con esse la tua fiducia.

Già la fiducia…eccola che torna fuori ancora una volta, questa benedetta fiducia, decisamente una delle cose più importanti al mondo, almeno per me.

Perchè se perdi la fiducia hai perso quasi tutto, di te, di me e degli altri…e la tua vita non rimane altro che una bici con le ruote bucate…una bici tanto essenziale quanto bella, che potrebbe portarti in capo al mondo, ma senza l’aria nelle ruote che ti solleva da terra non puoi pedalare verso nuove scoperte e rimani dove sei, fermo, bloccato e inerme…col mondo che ti passa davanti.

Quindi affrontare le paura è necessario, fottutamente necessario.

Nella mia vita ho commesso tanti errori, alcuni del tutto inevitabili, altri molto meno e per questo decisamente più fastidiosi da tollerare e impossibili da dimenticare, c’est la vie.

Una cosa però sto imparando…che se non affronto la paura io muoio.

E’ più aspetto, più tempo passo a pensare di non affrontare le mie paure, più queste si prendono gioco di me, incuneandosi dentro di me, bloccandomi, assopendomi in un torpore letale che mi incolla alla non-vita.

C’è voluto tanto tempo, decisamente troppo e quindi troppo tempo è andato sprecato sin qui, amen.

E’ del tutto inutile che io perda altro tempo a rimuginare su ciò che avrei potuto fare e che non ho fatto, meglio guardare in faccia le paure di oggi e quelle che inevitabilmente domani  mi si paleseranno davanti agli occhi e guardare avanti, affrontandole con il dovuto rispetto ma senza pietà.

Le mie paure mi hanno devastato, mi hanno consumato, mi hanno bloccato e solo quando mi sono reso conto che andavano assolutamente affrontate e successivamente sconfitte mi sono sentito vivo, con loro alle mie spalle, per sempre.

Ovvio, scontato e naturale che non sia stato facile, tutt’altro.

Ognuno conosce le proprie di paure e spero che sappia come e quando affrontarle, perchè il non farlo solitamente non porta alcun beneficio, ma solo ad una subdola dipendenza da assuefazione al non agire nei confronti di quella paura, una sorta di torpore triste e deleterio.

Molto più spesso ci inganniamo da soli o meglio, crediamo di farlo, perchè mentire a noi stessi non è possibile a meno di essere matti o malati, e quindi cerchiamo di sopperire al non voler affrontare le nostre paure con il fare dell’altro, molto altro, cioè riempire le nostre giornate o i nostri spazi vuoti con mille cose da fare, in modo tale da non dover affrontare quella paura.

Non affrontare la paura non risolve un bel niente, anzi peggiora le cose, non solo a livello mentale, ma anche a livello fisico.

Provate a pensare a come sarebbe la vostra vita senza questa o quella paura che vi accompagna quotidianamente, ognuno conosce le sue…

Certamente per uno spirito puramente conservativo che troppo spesso ci connota, ci pervade e ci convince vi racconterete che, tutto sommato forse è meglio tenersi questa paura, del resto basta avere un po’ di pazienza che poi sicuramente accadrà qualcosa che cambierà questo stato negativo, catatonico e per nulla piacevole…del resto per molti è troppo forte lo slancio che serve per affrontarla, figuriamoci per affrontarne le conseguenze e poi dopo che succederà?…che ne sarà di me?

Il cambiamento implica sempre un rischio, un’azione, un orizzonte non svelato, un’incognita…ma in cuor vostro sapete anche che chi non fa non falla…o se preferite che se non partite non viaggerete mai e rimarrete immobili, come alberi, ma noi non siamo vegetali, non ancora.

Ok stop con la predica e veniamo al sodo, ai mkts:

chi di voi ha paura a mettersi long sull’equity alzi la mano?

Chi di voi compra ancora obbligazionario governativo europeo?…

Chi di voi ha il fegato di avere qualche altra idea su cui mettere dei soldi oggi e possibilmente guadagnare nei prox mesi?

Su forza…fatevi avanti e investite, d’altronde i mkts sono tutti in un permanent bull market e quindi mica vorrete perdervi questo rialzo secolare vero?…ormai anche il mio gatto mi ha chiesto di comprarli delle azioni e dei bond per potersi permettere scatolette di migliore qualità!!!

Nessuno compra oro?!?!…eppure in giro è pieno di “compro-oro”

Nessuno comprare commodities?…eppure la ripresa non è più dietro l’angolo…che cavolo…infatti è bella che partita e anzi sta accelerando!!!

Anybody wants some bucks here?!?!?!…eppure se vi andasse male con i $, potreste sempre usarli per il Monopoly.

Figuriamoci se qualcuno ha approfittato degli storni dei bond emerging per mediare o iniziare a fare posizione in ptf, come suggerito nei post precedenti di qualche settimana fa…no meglio non esagerare con la roba che viene da laggiù, scarsa qualità, troppo rischio e non se la fila nessuno, infatti hanno recuperato e bene quanto ceduto a gennaio.

Tutti troppo impegnati a strapparsi di mano azioni e btp, facendo salire il nostro indice alle stelle (+45% a 12 mesi circa) sulla scia degli acquisti arrivati dall’estero (fondi & Co.) e dalla ritrovata indole speculativa e morbosa di molti risparmiatori italiani che, avendo giurato di non toccare mai più l’equity in vita loro, oggi tornano sul loro vizio capitale proprio mentre il nostro indice fa segnare livelli di guardia importanti…un po’ come quando da ragazzino prendevo la “ciucca” (esageravo col bere) giuravo a me stesso di bere mai più a patto che mi passassero i sintomi della sbornia…promesse da marinaio.

Quindi non siate timidi, affrontate le vostre paure e continuate a comprare, entrate sull’equity da questi livelli, che sia USA, DAX, NIKKEI o FTSEMIB non ha importanza, che volete che sia, del resto abbiamo Janet Yellen governatrice FED che si dice pronta ad essere ulteriormente accomodante, Abe in Giappone fa stampare giorno e notte la BOJ nella speranza che questo porti almeno un briciolo di miglioramento interno effettivo. In Europa abbiamo Draghi che ormai è la controfigura di se stesso, ripete ripete e ripete che sono pronti ad intervenire se necessario…si ok, ma quando mr.Draghi?…ah già è vero, il 25 maggio ci sono le elezioni europee, quindi meglio arrivarci belli tonici, con i listini gonfi e senza fastidiosi ribassi che altrimenti si potrebbero innescare pericolosissimi movimenti di voti non graditi a chi manovra la giostra.

Noi abbiamo Renzi che a livello mediatico e verbale è un fuoriclasse rispetto ai suoi predecessori, ben venga, ma occhio ai tempi di realizzo.

L’unica coerente con se stessa è l’Inghilterra, ma si sa che loro sono dei signori, anzi dei Lord.

Situazione Russia non pervenuta, con Putin che ora si dice pronto a cercare una soluzione diplomatica e te lo credo, altrimenti il gas a chi lo vendi con già gli USA pronti all’esportazione di shale gas intorno al 2020, praticamente dopodomani.

E quindi mentre le banche centrali tentano disperatamente di incendiare questa benedetta ripresa che, a quanto pare è una campionessa di nascondino…di inflazione neanche l’ombra e questa la dice lunga sui benefici di queste artificiose politiche monetarie accomodanti.

Intanto le operazioni di carry-trade tra le valute continuano e non solo sulle valute ma anche sugli asset, proprio per continuare a sostenere i listini azionari che hanno sempre bisogno di nuovi compratori, possibilmente che siano molto ottimisti per il proseguio, in fin dei conti chi entra adesso rischia di essere uno degli ultimi “privilegiati”.

Il nostro indice di borsa (FTSEMIB) ne è la conferma, se lo scorporate dal settore bancario noterete che non è salito, ma anzi è calato, segno che si è saliti unicamente grazie al denaro fatto girare sui titoli bancari e quindi sulla finanza, ma sugli industriali ed energetici poca roba, comunque non tale da giustificare l’impennata del nostro listino.

Il denaro fluttua, si sposta e con la sua impressionante velocità oggi sostiene quel mercato, perchè ieri ne ha sostenuto un altro e domani un altro ancora…come una puttana…pardon una escort che non sa su quali e quanti giacigli si adagerà durante le sue performance…del resto è sempre il cliente che paga per la prestazione no!?!?!

Ve lo ripeto, affrontate quindi le vostre paure…come io ho affrontato le mie e continuerò a farlo, cambiando di volta in volta.

Per quanto riguarda i mkts date retta ai soloni e rassegnatevi all’evidenza dei fatti, sono long, solo long…as long as you want.

 

DOVEROSA PRECISAZIONE: OGNUNO CON LA SUA TESTA E I SUOI SOLDI!!!…QUESTO  NON E’ IL SITO DI UN GURU DELLA FINANZA, QUINDI SE CERCATE CONSIGLI SU COME FARE SOLDI SIETE SUL SITO SBAGLIATO.

 

Riproduzione riservata.

 

dshort1dshort2$Y Value-vs-Growth

Momentum-Stocks

 

 

 

 

 

 

Annunci

4 thoughts on “Face your fears

  1. Del tuo post mi ha colpito in particolare questo passo: “Già la fiducia…eccola che torna fuori ancora una volta, questa benedetta fiducia, decisamente una delle cose più importanti al mondo, almeno per me. Perchè se perdi la fiducia hai perso quasi tutto, di te, di me e degli altri…e la tua vita non rimane altro che una bici con le ruote bucate…” Pure io in un mio post ho parlato (anche) dell’ importanza della fiducia, e di quanto si soffre quando essa viene tradita: http://wwayne.wordpress.com/2013/09/03/la-migliore-offerta/. Le mie considerazioni ti trovano d’accordo?

    Mi piace

    • @wwayne, la fiducia è un sentimento che ognuno di noi possiede, chi in modo piè esplicito, chi meno e la nasconde, chi proprio la nega è tende a chiudersi. Ma nessuno, nessuna persona può permettersi di non avere fiducia in altre persone o al cospetto degli aspetti della vita, in quanto piaccia o non piaccia siamo animali sociali. La fiducia però si può influenzare, incrinare, minare e rendere quasi nulla con poche semplici azioni, ovviamente per ottenerne un fine, di solito poco nobile.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...