Club Tropicana

Chi di voi abbia mai bazzicato su siti o forum che si occupano di finanza, borsa e mercati non può non aver fatto caso ad una cosa buffa, che spesso, molto spesso chi scrive su questi forum parla dell’andamento di questo o quel mercato in terza persona plurale, “loro”…a volte anche omettendo il soggetto ma coniugando i verbi e il discorso sempre a quello che hanno fatto, fanno o faranno, loro.

letteralmente: “…vedrete che arriveranno sino a quel livello e poi scenderanno…stanno shortando a manetta…si stanno coprendo ma continuano a comprare…sono scesi a prendere tutti gli stop loss messi dai piccoli (noi ndr) e poi sono subito ripartiti…hai visto che bastardata che hanno fatto?…etc..”

Ma loro chi?…bella domanda!…loro sono loro non c’è pezza, sono coloro che tutto possono, compreso ovviamente decidere le sorti del mercato ma anche quello del mondo economico e civilizzato a lui connesso, piaccia o non piaccia.

Loro sono quelli che quando si muovono ce ne si accorge subito, perchè spostano l’ago della bilancia dal verde smeraldo al rosso sangue e giù sino al baratro più nero che c’è.

Con un po’ di volontà, tempo e un po’ di immaginazione si può pensare senza però averne la certezza assoluta che “loro” non siano altro che  i mega-colossi della finanza attuale, banche d’affari che sono divenute talmente grandi e potenti da divenire vere e proprie istituzioni finanziarie in grado di tenere in scacco chiunque, Stati e governi compresi; infatti non per niente all’inizio di questa crisi che è bene ricordare è cominciata prima come crisi prettamente finanziaria e solo poi in un secondo momento è inevitabilmente sfociata anche nella più grave crisi economica del dopoguerra, si sono dovute salvare istituzioni finanziarie too big to fail, coniando di fatto un nuovo neologismo.

Loro hanno il potere di fare, decidere, spostare, togliere, pressare, convincere, annientare, aumentare, pagare, lucrare, vendere anche ciò che non possiedono e mai avranno probabilmente, il tutto facendosi sopra una montagna di soldi, oppure prendersi gioco legalmente dei propri clienti dando loro consigli in un senso e contemporaneamente fare scelte di investimento diametralmente opposte al consiglio appena dato ai propri clienti paganti e in ultimo, investire con una leva finanziaria mostruosa.

Nel primo post di questo blog, darkpool…the safe heaven just for them,  avete avuto un assaggio di che cosa loro sono capaci di fare, con che velocità e di che strumenti/armi posseggano nel perpetuare il loro modello di business, quasi sempre vincente, perchè quella è l’unica cosa che conta, fare soldi.

Di recente avrete sentito che alcuni di loro sono stati condannati a pagare multe di svariati miliardi di dollari a seguito di pratiche commerciali scorrette e molto pericolose per la stabilità dei mercati stessi, ebbene pare che non abbiano battuto ciglio alcuno e che si siano guardati bene da fare qualsiasi causa di appello, poichè per loro, pagare multe da 5-10mld di dollari è argent de poche come dicono a Parigi i più illustri.

Loro, non hanno nessuna difficoltà a spostarsi al limite e anche ad oltrepassarlo per raggiungere i profitti che si sono prefissati, anche infrangendo la legge se il guadagno che ne deriva è parecchie volte superiore rispetto alla pena inflitta se malauguratamente scoperti, del resto sono i padri fondatori dell’applicazione dell’asettico concetto rischio/rendimento.

I vincenti fanno le regole, i perdenti le osservano, sad but true.

Per riuscirci possono usare i potenti mezzi di cui dispongono, da potentissimi e velocissimi computer dotati dei più sofisticati algoritmi per coprire ogni mercato sul pianeta in tempo reale oppure, talvolta si affidano ai comuni mortali, declinati per due categorie ben distinte: visibili e invisibili.

I primi sono del tutto nostri simili, cioè persone normali, alcune maggiormente portate per la matematica, altre per la vendita senza inutili scrupoli e soprattutto tanta fame di fare quattrini; sono tanti, se ne contano a migliaia dispersi nelle varie divisioni di queste mega-istituzioni finanziarie che regnano il mondo attuale.

I visibili, essendo persone normali, sono anche molto vulnerabili al canto delle sirene, di quelle sirene che cantano di soldi, tantissimi soldi, che qualcuno di questi visibili normali riesce a fare anche abbastanza in fretta e in giovane, giovanissima età senza cadere nel baratro dell’errore e della pubblica gogna mediatica;…eh già perchè questo è il rischio, perchè quando viene alla luce uno scandalo finanziario che ha visto coinvolta quella rinomata società finanziaria e la sua divisione di traders, o anche solo uno, che da solo…pensate un po’ da solo…è riuscito a mandare in fumo svariati mld di €/$, attraverso operazioni/trade avventati e senza che nessuno dei suoi superiori se ne accorgesse o che più semplicemente vi fosse un sistema informatico che ne impedisse la perpetuazione…sarà?!?!

Credo fermamente che i “visibili” che si sono prestati e si prestano tuttora a questo gioco sappiano benissimo qual’è il rischio che corrono e che, di fronte ad un “problema”, essi saranno identificati per primi ed unici responsabili, e verranno abbandonati dalla propria società, gettati a mare e lasciati in pasto agli squali della pubblica inquisizione, com’è giusto che sia per il buon nome della società stessa, nonchè per il proseguio del business.

Di altra famiglia, estrazione e rango sociale  sono invece “gli invisibili” che badate bene, non lo sono letteralmente, ma si muovono, operano e ricoprono ruoli di potere talmente elevati e di primaria importanza, che dovrebbero renderli ben visibili invece, queste persone, come in una sorta di limbo ipnotico, come se nessuno degli altri comuni mortali si accorgesse della loro origine, famiglia di appartenenza, scuola di pensiero e fine ultimo, presiedono a ricoprire cariche di potere immenso, senza conoscere il significato delle parole, conflitto di interessi, imbarazzo e vergogna, semplicemente eseguono, per loro.

Gli invisibili, sanno benissimo quello che fanno e chi ancor di più lo sa chi ha fatto in modo che ricoprissero quel ruolo specifico, il resto sono solo sciocche chiacchiere da volgo e popolino, che si scandalizza per così poco, anche quando così poco non è, tutt’altro.

Se io consegno le chiavi di casa mia a un ladro, poi non mi posso lamentare se al mio ritorno la mia casa è stata ripulita, giusto!?!?…ma almeno ho la possibilità di scegliere se consegnare le chiavi oppure no. Nel mondo odierno, noi non decidiamo un bel niente, il tutto viene deciso da pochi per molti.

Il club è piuttosto ristretto ed elitario, da decenni ormai, alcuni ne fanno parte dalla notte dei tempi, famiglie da nomi altisonanti e pronuncia complicata, molto difficile entrare, quasi impossibile; non stiamo parlando del privè della disco più in della vostra città, dove in teoria entrano solo super gnocche e figli di papà, ma poi in pratica entrano cani e porci, per esempio io sono sempre riuscito ad entrare e faccio parte dell’ultima categoria, senza dubbio.

Queste persone e famiglie, decidono con largo anticipo le mosse geo-politiche su scala internazionale per mantenere lo status quo di loro primario interesse, attuando una distribuzione dei pesi e delle misure molto attenta e dall’aspetto insospettabile; si riuniscono in happening in località consone un paio di volte all’anno, almeno queste sono le date rese pubbliche, così come sono pubbliche le località di riunione, ma ovviamente niente di più, si conosce il contenitore ma non il contenuto di queste reunion, del resto l’understatement a monte di tutto è fondamentale.

Poi una volta stabilita la strategia a tavolino, passano alla tattica, e per farlo declinano le responsabilità a personaggi fidati, universalmente accettati e ben visti, solitamente colti e pacati, a cui viene richiesto di svolgere il lavoro sporco a contatto col popolo e le sue richieste di un mondo migliore e più equo, come no.

Solo negli ultimi anni, qualche giornalista serio e determinato ha portato alla berlina le particolari affinità elettive di personaggi politici&economici di primo piano, che ricoprono ruoli di primaria importanza sullo scacchiere mondiale con queste èlite, nessuno che si sia strappato le vesti o abbia gridato allo scandalo, tantomeno i media, ovviamente, come mai?

Loro, hanno ben saldo nelle loro mani le redini di tutto, da chi siede a capo di quel governo, a chi ricopre cariche di comando di banche centrali o ministeri del tesoro di primaria importanza, a chi dirige organi di informazione etc…

Il loro interesse è la stabilità, il mantenimento dei loro privilegi pregressi, non importa se conquistati in malo modo e non più accettabili, il tutto perpetuato senza soluzione di continuità, su vasta scala e in tempi lunghi, da non destare troppi sospetti o incidenti di percorso dettati dalla troppa fretta e agonia di potere, del resto il loro potere è smisurato e vincolo facile contro chiunque oggi.

Per il conseguimento del loro fine ultimo, essi possono anche accettare il chaos, basta che sia ben delimitato, localizzato e non duraturo, onde evitare che la situazione possa divenire troppo complicata e sfuggire di mano, cosa che sino ad oggi non è mai accaduta se non per brevissimi lassi temporali, forse.

Non mi meraviglio più di tanto di sapere che a capo di questa banca centrale vi è un signore che in passato ha lavorato per la più potente banca d’affari al mondo, così non sono sorpreso nell’aver visto che a capo del ministero del tesoro dello stato più importante al mondo si sono susseguiti personaggi provenienti dalla medesima istituzione finanziaria, sarà un caso?!?…o ancora che ai vertici del potere di governo di molti stati siedano consiglieri di altre istituzioni finanziarie che però la domenica vanno in chiesa a redimersi, del resto dove la trovate un’altra religione che vi conceda il lusso del bonus settimanale della confessione e contestuale assoluzione da tutti i peccati, povero Nostro Signore.

O ancora, importanti politici che detengono anche cariche di comando in aziende centrali per l’economia del paese ove ricoprono carica istituzionale, a cui il governo stesso concede importanti concessioni, ordini e divulga leggi ad personam per facilitarne il business, il tutto in nome della trasparenza e libera concorrenza.

Ok adesso che ho scritto questo, vi lascio la lista dei membri e la mappa, chissà mai che non ne conosciate qualcuno e che riusciate ad entrare nel club, buona fortuna.

 

Riproduzione riservata.

p.s. il video è piuttosto lungo, ma chi di voi mastica di francese o inglese, lo troverà molto interessante ed esplicativo:

bilderberg clubgoldman staffpiramid goldman-sachs-rules-usamedia-govcontractors-gov

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...